Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra azienda in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie clicca qui.

OGGI PARLIAMO DI

contraccezione, gravidanza, menopausa

Le infezioni da germi comuni. Come riconoscerle?

29 settembre 2016

Le patologie derivanti da germi comuni sono infezioni dell’apparato genitale femminile molto frequenti nelle donne sessualmente attive e che causano differenti fastidi e disturbi.

Le infezioni da germi comuni sono spesso trasmesse attraverso rapporti sessuali non protetti con partner infetti, ma esistono altre modalità di trasmissione (come la condivisione di oggetti personali con persone che hanno un’infezione in corso).

In base alla regione colpita dall’infezione si distinguono diversi tipi di patologie:

  • Vaginite, se la zona colpita è la vagina;
  • Cervicite, se la zona colpita è la cervice uterina;
  • Cervicovaginite, se le zone colpite sono la vagina e la cervice uterina;
  • Vulvite, se la zona colpita è la vulva;
  • Endometrite, se la zona colpita è l’endometrio;
  • Salpingite e Annessite, se le zone colpite sono le tube di Falloppio.

I sintomi generali di questo tipo di infezioni genitali femminili sono molto simili tra loro (come perdite vaginali, dolori e bruciori durante i rapporti sessuali), ma ognuna di esse ha dei sintomi e delle cure specifiche, che se vengono trascurati possono portare a conseguenze patologiche gravi e talvolta permanenti nelle donne, come l’infertilità.

Prevenzione e cura delle infezioni da germi comuni

Poiché queste infezioni all’apparato genitale femminile vengono contratte soprattutto mediante rapporti sessuali non protetti, in metodo di prevenzione più sicuro è l’utilizzo del preservativo (maschile e femminile) durante i rapporti sessuali.

Bisogna prestare comunque attenzione a non utilizzare oggetti personali (come biancheria intima e asciugamani) di persone infette e curare l’igiene personale e intima.

Qualora dovesse essere contratta una o più infezione da germi comuni è possibile seguire diversi trattamenti come:

  • Antibiotici sotto forma di capsule e compresse a base di penicilline, macrolidi e tetracicline;
  • Terapie locali con creme, ovuli, candelette e lavande;

Ogni terapia viene prescritta dal medico e varia al variare della patologia contratta.

È inoltre consigliato che il partner della persona infetta si sottoponga a visite specialistiche per scongiurare eventuali danni futuri e arrestare il contagio.

Vaginite

La Vaginite è quell’infezione a carico della vagina causata da alterazioni della normale flora batterica vaginale, che può manifestarsi a seguito di un rapporto sessuale non protetto con un partner infetto.

L’origine della Vaginite può essere rintracciata nell’attacco della regione vaginale da parte di agenti patogeni, ma anche a seguito di fattori ambientali scatenanti.

In circa il 90% delle donne colpite da Vaginiti, le cause dell’infezione intima sono principalmente di 3 tipi:

  • Vaginite da batteri: si ha quando il normale equilibrio della flora batterica subisce modificazioni a causa della proliferazione di un batterio (come per esempio quello della Gardnerella);
  • Vaginite da funghi: si presenta quando dei funghi o “lieviti” già presenti nella flora vaginale iniziano a moltiplicarsi, passando da una condizione di latenza a una patogena (come per esempio quello della Candida);
  • Vaginite da parassiti: si manifesta quando l’infezione vaginale è causata da un attacco di parassiti alle mucose della vagina (come per esempio quella della Tricomoniasi).

Le cause ambientali che determinano la Vaginite sono per lo più conseguenza di allergie a spray vaginali, lavande, spermicidi, saponi o detergenti.

Una donna affetta da Vaginite può ricercarne la causa nel coinvolgimento di uno o più meccanismi patogenetici.

I sintomi generali della Vaginite sono:

  • Dolore intimo durante i rapporti sessuali e la minzione;
  • Prurito e infiammazione nella zona genitale;
  • Perdite biancastre e spesso maleodoranti.

Se la Vaginite si estende al collo dell’utero si parla di Cervicovaginite.

Cervicite

La Cervicite è quell’infezione dell’apparato genitale femminile a carico della cervice uterina che può trasmettersi attraverso il contagio sessuale. La Cervicite è una patologia piuttosto comune, difatti colpisce più della metà delle donne almeno una volta nella vita.

Tra le cause della Cervicite vi sono le seguenti patologie trasmesse sessualmente:

  • Clamidia;
  • Gonorrea;
  • Herpes genitale;
  • Papilloma virus (HPV);

Tra I fattori ambientali che possono essere alla base di questa infezione si possono trovare:

  • Dispositivi pelvici per la contraccezione (come il tappo cervicale o il diaframma);
  • Allergia a spermicidi;
  • Allergia al lattice dei preservativi maschili e femminili;
  • Esposizione a particolari sostane chimica.

I sintomi di questo tipo di infezione genitale femminile possono presentarsi sotto forma di::

  • Anomalo sanguinamento vaginale dopo il rapporto sessuale o dopo la menopausa;
  • Perdite bianco-grigiastre o bianco-giallastre dalla vagina;
  • Dolori e bruciori soprattutto durante i rapporti sessuali;
  • Pressione o pesantezza nella zona del bacino.

Vulvite

La Vulvite è un’infezione a carico della parte più esterna dei genitali femminili. Questa infiammazione colpisce la vulva che si infiamma molto spesso a causa di allergie o lesioni da trauma, oppure viene trasmessa attraverso rapporti sessuali non protetti. I sintomi della vulvite sono:

  • Prurito intimo intenso e persistente;
  • Arrossamento delle piccole e grandi labbra;
  • Dolori e bruciori della vulva.

Una Vulvite non curata tempestivamente può cronicizzarsi e inoltre causare Vaginiti, Uretriti e Cistiti.

Endometrite

L’Endometrite è un’infezione a carico dell’endometrio, lo strato più esterno di rivestimento dell’utero.

L’Endometrite può essere causata da:

  • Clamidia;
  • Gonorrea;
  • Tubercolosi;
  • Alterazioni della normale flora batterica vaginale;
  • A seguito esami come la biopsia endometriale, l’isteroscopia, il posizionamento di un dispositivo intrauterino.

I sintomi dell’Endometrite possono essere rintracciati in:

  • Gonfiore del ventre;
  • Anomalo sanguinamento vaginale;
  • Stipsi;
  • Febbre;
  • Malessere generale;
  • Dolore nella regione addominale o pelvica inferiore (localizzato nell’utero).

Salpingite e Annessite

La Salpingite è un’infezione dell’apparato genitale femminile che colpisce le tube di Falloppio che se si estende anche alle ovaie prende il nome di Annessite

Le cause della Salpingite e della Annessite sono comuni:

  • Aborti volontari;
  • Sepsi;
  • Uso prolungato di tampone assorbente durante il ciclo;
  • Infezioni urinarie e polmonari;
  • Spirale contraccettiva.

I sintomi di queste infezioni possono manifestarsi come:

  • Nausea e vomito;
  • Febbre,
  • Perdite vaginali;
  • Prurito intimo;
  • Flussi mestruali irregolari.

Tutte le infezioni da germi comuni sopra elencate vengono meglio diagnosticate da uno specialista. Una donna che accusi uno o più di questi sintomi di infezioni genitali femminili è bene che si rivolga tempestivamente al suo medico di fiducia.

 

Fonti:

  1. S. National Library of Medicine: https://medlineplus.gov/
  2. http://www.siu.it/files/uploads/Linee%20guida/2012/Linee%20guida%20-%20infezioni%20sessualmente%20trasmesse.pdf
Condividi l'articolo
Leggi anche di: contraccezione infezioni