Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra azienda in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie clicca qui.

OGGI PARLIAMO DI

contraccezione, gravidanza, menopausa

Fitness in menopausa: quali i benefici?

09 ottobre 2017

Problemi di Menopausa? Ecco come evitarli

Che la menopausa rappresenti un vero e proprio spauracchio per molte donne non è affatto un segreto, ma un dato di fatto. Il calo ormonale si fa sentire, iniziano le frequenti emicranie, sopraggiunge il nervosismo a cui segue l'insonnia. Vari disturbi iniziano a interessare l'apparato genitale e/o quello urinario. Le donne diventano sempre più soggette ad attacchi d'ansia o di depressione. Come se tutto ciò non bastasse, si hanno anche dei frequenti cali di pressione, il cuore diventa meno protetto ed ecco che diventano possibili problemi di trombosi. Tutte le donne che soffrono dei problemi di salute legati alla menopausa dovrebbero, però, sapere che esiste una valida panacea a questi mali. Si chiama "sport", o più semplicemente "fitness", e aiuta ad abbassare il livello degli ormoni nocivi nel sangue, migliorando il benessere fisico e mentale. Contrapposto a uno stile di vita sedentario, lo sport riesce a rimettere l'organismo in moto, rinfrescandolo, ringiovanendole, dandogli vigore e tonicità.

Effetti dello sport

Oltre a ripristinare il livello ormonale del sangue eliminando gli ormoni come il cortisolo (responsabile dello stress e della stanchezza), il fitness in menopausa aiuta a ridurre i sintomi. Vengono meno le costanti vampate di calore, si riduce la secchezza vaginale, iniziano anche a diminuire i periodi d'insonnia. Migliora l'aspetto generale dell'individuo e le sue prestazioni fisiche. Immediatamente la donna inizia a sentirsi meglio, a essere più resistente: così si ritorna alla vita. Come dimostrato dai test scientifici svolti in materia, il fitness aiuta ad aumentare il livello delle beta-endorfine e di catecolamine, entrambi elementi importanti per migliorare l'umore generale della persona. Non in ultimo luogo non è affatto un segreto che dell'attività fisica minimizza la possibilità di sviluppo delle varie malattie cardiovascolari. Grazie al ripristino dei livelli del calcio (e a una sana alimentazione) vengono rinforzate le ossa e si minimizza il rischio di sviluppo dell'osteoporosi. I principali fattori di rischio vengono meno, per lasciare spazio all'energia, vivacità e dinamicità. È dimostrato che il fitness aiuta a ridurre il livello del colesterolo cattivo, aumentando quello buono. Altresì vengono ridotti i trigliceridi, responsabili delle disfunzioni della pressione arteriosa. Praticando del fitness le donne con qualche chilo in troppo bruciano le calorie, riducendo così il rischio di obesità. Così si sviluppa anche un'alta tolleranza agli zuccheri, il che a sua volta contribuisce a minimizzare il rischio di diabete. Non in ultimo luogo, l'attività fisica agisce direttamente sull'apparato muscolare, migliorandone la tonicità. Come se tutto ciò non bastasse, sembra proprio che l'attività fisica minimizzi anche il rischio di sviluppo dei tumori del colon.

Fitness in menopausa: quali attività svolgere

Correre, salire le scale, camminare, andare in bicicletta, praticare il nuoto o il sci sono tutte attività di cui l'organismo beneficia migliorando le proprie prestazioni polmonarie e cardiache. In alternativa è possibile fare degli sport in cui si sollevano dei carichi o dei pesi, stando sempre e comunque attenti a non effettuare movimenti troppo bruschi. Le attività di fitness vanno iniziati gradualmente: il corpo non è più lo stesso di una volta. Si deve partire dai carichi più bassi, aumentando l'intensità man-mano che procede l'allenamento. Nel migliore dei casi si consiglia di farsi seguire da un allenatore. Le attività di fitness vanno svolte al minimo 3 volte a settimana, un'ora per seduta di allenamento. Per ottimizzare i risultati sarebbe un'ottima idea aggiungere al fitness uno stile di alimentazione sano e corretto, nonché camminare anziché utilizzare sempre l'automobile, i mezzi pubblici o l'ascensore.
Dopo uno stop di due settimane o di più è consigliato ricominciare l'allenamento da capo, partendo di nuovo dai bassi carichi e incrementando lo sforzo in gradualmente. Qualora la donna abbia avuto dei problemi di cuore o dell'apparato polmonare, dovrebbe consultare il proprio medico di fiducia prima d'iniziare l'allenamento. La consultazione non è necessaria per iniziare delle sedute di Yoga che, come dimostrato, possono apportare all'organismo vari benefici psico-fisici, attenuando gli stati d'ansia, lo stress, l'insonnia e la depressione. Svolgendo due sedute di yoga a settimana si potrà percepire un maggiore stato di relax dell'organismo. In alternativa è sempre possibile abbinare il fitness a delle sedute di meditazione: ne beneficerà sia il corpo che la mente.

Fitness e l'alimentazione: cosa mangiare?

Se si vogliono evitare i problemi di salute in menopausa è meglio fare a meno di tutti i cibi particolarmente grassi o ad alto contenuto di zuccheri. Bisognerebbe evitare i superalcolici oppure bevande gassate come la coca-cola, stando attenti a non abusare del caffè o di tè nero. Si deve fare a meno anche delle patatine fritte, carne troppo grassa, bilanciando il consumo dei prodotti come la pasta e le patate (carboidrati). Molto meglio bere dell'acqua, tè verde o del vino rosso, mangiando soprattutto frutta e verdura fresca a cui aggiungere dei latticini, come i formaggi e le mozzarelle.

Condividi l'articolo
Leggi anche di: Menopausa benessere

PER TE