Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra azienda in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie clicca qui.

OGGI PARLIAMO DI

contraccezione, gravidanza, menopausa

Menù di Natale senza rinunce: il menù healthy per le feste di Dicembre

08 novembre 2016

Il Natale è un connubio di tradizioni tutte legate al cibo. Dalla vigilia al giorno di Santo Stefano, ogni zona d'Italia ha una sua storia, una sua cultura culinaria legata strettamente ad una serie di ingredienti. Ciascuno di essi ha un significato particolare, e rinunciare anche solo ad una pietanza significherebbe spezzare una catena lunga parecchi secoli.
Alcune regioni italiane usano cucinare la carne per la vigilia ed il pesce al pranzo di Natale, mentre in altre sarà necessario preparare il cappone, e non mancherà tavola sulla quale un vasto assortimento di dolci farà bella mostra di sè sia alla sera che alla mattina. Panettoni, pandori, panforte e torrone sono solo una minima percentuale dell'assortimento dolciario natalizio e le ricette tipiche della nonna saranno il pezzo forte di una tavola imbandita per le feste.
Se i cinque sensi godranno di questa ricchezza culinaria, a farne le spese potrebbe essere la salute. Frittura, grassi, porzioni smisurate di carne, pasta e dolci ci faranno sentire gonfi, spossati, con un senso di pesantezza che perdurerà per qualche giorno.
E allora la domanda sorge spontanea: è possibile mantenersi in forma senza rinunciare a nulla?

Menù di Natale: quali ricette scegliere?

È possibile rimanere legati alla propria tradizione utilizzando ricette alternative molto più leggere rispetto a quelle consuete. Ad esempio la lasagna è il piatto tipico del giorno di Natale e potrebbe essere sostituita con una variante vegetariana a base di verdure e formaggi vegetali. Le sfoglie, realizzate senza l'uso delle uova, saranno più leggere e digeribili, mentre per se prediligi l'uso della carne potresti utilizzare modalità di cottura differenti. Un trito macinato può essere bollito anziché cotto preferendo l'uso di verdure come carote e sedano che insaporiranno la carne conferendole consistenza e gusto. Al posto dei latticini grassi e della besciamella puoi adottare un formaggio spalmabile appositamente sciolto per farne una salsina, che renderà morbida la pasta donando un tocco di raffinatezza.
Il pesce è il protagonista di alcune ricette e sarà presente sia per i primi che per i secondi. Al posto di una frittura allo scoglio potresti optare per un pesce al cartoccio, cucinato al forno e insaporito con spezie e limone.
La carne, immancabile in alcune case italiane, puoi cucinarla evitando l'uso eccessivo di olio. L'arrosto è una valida alternativa al fritto, mentre il sapore potrà essere arricchito mediante l'uso di salse alternative.

La verdura: come cucinare un piatto sfizioso

La verdura è il contorno perfetto per accompagnare sia la carne che il pesce. Rape, verza, cavolfiore e cappuccio potranno essere cotti al vapore, anziché procedere mediante bollitura e, successivamente con la frittura. Le spezie valorizzeranno il retrogusto di alcuni vegetali, mentre un filo di olio extra vergine di oliva crudo esalterà il sapore soave di alcuni ortaggi.
Un'insalata fresca e leggermente condita aiuterà la fase della digestione, ma basteranno alcune foglie per ottenere l'effetto desiderato. Se vuoi invece creare un antipasto sfizioso che non preveda l'utilizzo di insaccati potresti preparare una insalata russa a base di barbabietola rossa, carote, patate bollite e piselli, il tutto sapientemente amalgamato con qualche cucchiaio di formaggio spalmabile al posto della classica maionese.

Dolci in stile healthy: quali sono e come prepararli?

I dolci di Natale sono ricchi di ingredienti che prevedono l'uso del burro, del latte, del cioccolato e dello strutto. Quelli preconfezionati sono difficili da sostituire, a meno che non si chieda in pasticceria di utilizzare ingredienti alternativi che mantengano intatti la consistenza e il gusto.
Se desideri prepararli a casa potresti sostituire il burro con dell'olio di semi, o individuare ricette che impiegano yogurt, ricotta o ingredienti di derivazione vegetale. Anche lo strutto può essere facilmente surrogato con prodotti più leggeri, prestando attenzione alle proporzioni di ciascun ingrediente per ottenere la medesima consistenza durante la cottura.
Il cioccolato fondente ha meno zuccheri della variante al latte, e potrebbe essere adoperato sia nei ripieni che nelle decorazioni. Una glassatura perfetta potresti ottenerla sostituendo il burro con un cucchiaio d'olio che garantirà la lucentezza per le tue decorazioni.

Tradizione e salute: le porzioni giuste per un menù perfetto

Si è soliti cucinare in abbondanza quando si tratta delle feste natalizie. Due primi, doppio secondo, diversi contorni e una vasta gamma di antipasti non devono far sfigurare chi ospita a casa propria amici e parenti.
L'opulenza appartiene alla tradizione, ma basterebbe dosare le quantità giuste per saziare gli invitati senza necessariamente ingolfarli. Due primi calorici potrebbero essere alternati con ricette più leggere, diminuendo le porzioni nel piatto ed evitando gli sprechi. Non è necessario preparare più contorni: basterebbe un'insalata e un piatto di verdure miste che sostituiscano egregiamente le patate fritte.
E' importante infine tenere a mente che il Natale è una festa di riconciliazione. L'opportunità di stare insieme vale molto più di un pranzo ricco e se saprai cucinare pensando alla salute otterrai risultati soddisfacenti anche con pochi ingredienti.

Condividi l'articolo
Leggi anche di: alimentazione

PER TE