Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra azienda in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie clicca qui.

OGGI PARLIAMO DI

contraccezione, gravidanza, menopausa

Primavera, stanchezza e stress: ecco come difendersi

21 marzo 2017

La primavera, stagione di rinascita ma anche di stanchezza


Sarà capitato a tutti durante la primavera di sentirsi particolarmente assonnati e stanchi, senza una gran voglia di fare nonostante le prime belle giornate di sole. Fortunatamente, questa sensazione non è da considerare strana o inusuale, ma è piuttosto una conseguenza della primavera. La spiegazione a tutto ciò è scientifica e attribuile al cambio nella produzione di melatonina che può causare difficoltà nell'assestamento dei nuovi ritmi fisiologici. Inoltre queste sensazioni di malessere sono causate dal cambio di temperatura ed umidità che riescono ad influenzare i neurotrasmettitori, responsabili del nostro umore.

Ci sono sintomi facilmente riconoscibili per questo "stato" che sono da individuare nella scarsa concentrazione, nell'apatia, irritabilità, insonnia oppure letargia, ed anche una tendenza particolare a mangiare molto, specialmente carboidrati.


Rimedi notturni per combattere la stanchezza primaverile


La "malattia primaverile", se così si vuol chiamare, può essere particolarmente fastidiosa specialmente se tende a limitarci nelle nostre normali attività quotidiane. Tuttavia, è possibile combatterla e attutire i colpi mediante rimedi o piccole e sane abitudini da prendere. Un consiglio prettamente psicologico è quello di cercare di evitare di passare del tempo a letto sino all'arrivo della sera.

Il nostro cervello, infatti, tende ad associare questo spazio al riposo e durante il giorno potrebbe impigrirci ancora di più. E' bene evitare l'utilizzo di apparecchi elettronici poco prima di andare a dormire, dal telefonino al computer al tablet, in quanto le luci degli schermi tendono a svegliarci quando, invece, è fondamentale concentrarsi su delle attività rilassanti che riescano a conciliare il sonno. Un'altra buona abitudine è quella di cercare di respirare con il diaframma, specialmente prima di andare a dormire. In questo modo il corpo tende a rilassarsi particolarmente (questo consiglio è applicabile anche durante tutte quelle situazioni di stress che possono capitare durante la vita quotidiana). E' bene, inoltre, cercare di eliminare tutti i pensieri negativi prima di andare a dormire e mentre siamo distesi a letto. Agitarsi e preoccuparsi tende semplicemente a posticipare il momento in cui riusciremo ad addormentarci e ci farà svegliare stanchi e di malumore.

Rimedi giornalieri per combattere la stanchezza primaverile



Una delle strategie maggiormente consigliate è l'attività all'aria aperta. E' bene, però, che questa non venga praticata dopo le ore 17 , fare movimento fisico ci fa produrre più serotonina che durante il giorno aiuta ad essere più energici, ma se prodotto la sera potrebbe causare delle difficoltà a prendere sonno. Anche se siamo a casa durante il giorno, è fondamentale mantenerci in attività. Grazie, inoltre, all'intensificarsi delle giornate di sole è bene cercare di passare più tempo possibile fuori applicando quella che gli inglesi chiamano "sun therapy".

Rimedi naturali per la stanchezza primaverile


E' possibile anche affidarsi al cibo per contrastare il malessere e la stanchezza da primavera. Ad esempio, a colazione si può optare per dei cereali ricchi in fibre e sali minerali nonchè yogurt, frutta secca in grado di donare i grassi giusti per la giornata e del latte. A pranzo non devono mancare i carboidrati che possono ricaricarci per il resto della giornata. Questi possono essere associati a delle proteine e quindi è possibile optare per un'insalata arricchita con mais, uova sode, pomodori oppure degli affettati magri.

A fine pasto non si deve dimenticare di mangiare della frutta che aggiungerà anche degli zuccheri al nostro organismo. Per quanto riguarda la sera, invece, non è bene esagerare troppo. Mangiare dei cibi eccessivamente pesanti potrebbe causare una certa fatica a prendere sonno. I passati di verdure possono essere una scelta vincente ed è bene mangiare del pesce almeno due volte a settimana. Al di fuori dei pasti si possono utilizzare delle tisane che a seconda della composizione possono essere bevute in tutti i momenti della giornata. Queste bevande sono particolarmente rilassanti e sicuramente se consumate la sera concilieranno senza dubbio il sonno.

Di fondamentale importanza è l'apporto giornaliero di acqua consumata. Qualora il nostro organismo si sentisse piuttosto disidratato, tenderà ad essere anche più stanco e limitato nelle funzioni giornaliere da svolgere. Infine, l'utilizzo di spremute alla frutta e centrifughe potrebbe rivelarsi una scelta vincente. Mai come in questo caso è possibile ottenere una grande quantità di zuccheri sani tutti insieme. Il momento migliore durante il giorno per consumare delle spremute è sicuramente il pomeriggio magari per un piccolo break. In questo modo il nostro corpo avrà tutto il tempo per digerire la frutta correttamente e contemporaneamente rilascerà gradualmente gli zuccheri aiutandoci a sentirci più energici per l'ultima parte della giornata.

L'alimentazione giusta è un ottimo modo per cercare di eliminare tutte le tossine accumulate durante l'inverno, periodo in cui tendiamo a mangiare in maniera piuttosto pesante e a non passare troppo tempo all'aria aperta

Condividi l'articolo
Leggi anche di: lifestyle sport