Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra azienda in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze. Se vuoi saperne di più sui cookie clicca qui.

OGGI PARLIAMO DI

contraccezione, gravidanza, menopausa

Pronte per il parto? La borsa da preparare

06 ottobre 2017

Sei pronta per il parto? Molto probabilmente sì, ma allo stesso tempo tanti dubbi sono pronti a sorgere e metterti in crisi, tra questi molto probabilmente vi sono quelli sulla valigia da preparare per il parto.

Quando preparare la valigia?

La prima domanda che molte si pongono è "quando devo preparare la valigia?" Non c'è una risposta certa, alcuni ginecologi consigliano di prepararla dal settimo mese, altri di procedere solo quando inizia l'ultimo mese di gravidanza. Nel dubbio, meglio iniziare prima e tenere la valigia dietro la porta, un posto facile da trovare anche per i partner.
Il secondo dubbio riguarda il cosa mettere dentro la valigia, meglio evitare attacchi di panico, nella maggior parte dei casi è il medico a dare dei consigli su cosa mettere e molto dipende anche da cosa viene fornito dalla clinica/ospedale in cui si decide di affrontare il parto. Vi sono però senza dubbio delle cose che proprio non possono mancare. Ecco come organizzare la valigia per il parto.

Come affrontare il parto

La prima cosa da fare è considerare che si tornerà a casa in due, quindi la valigia per il parto deve essere divisa in due sezioni: una per il piccolo e una per la mamma. Ecco cosa deve portare la mamma per sé. Il parto è una fase molto delicata nella vita di una donna e vi sono dei piccoli grandi cambiamenti da affrontare. È necessario portare con sé almeno una camicia da notte con bottoni per il momento del parto. Deve essere scelto un modello abbastanza ampio, possibilmente di cotone, ma nulla di esageratamente prezioso o ricco di ricami o altro. Dopo il parto, infatti, dovrà essere lavata in modo abbastanza aggressivo e potrebbe rovinarsi, quindi perché scegliere una camicia da notte "preziosa"? I bottoni sono essenziali perché già in sala parto, il bambino sarà appoggiato al seno della madre perché per lui questo primo contatto con la pelle della mamma è essenziale. In questa fase dei comodi bottoni sono utili. Per il parto è bene anche avere degli elastici per i capelli che potrebbero essere molto fastidiosi durante le doglie.

Come affrontare la degenza

Dopo il parto, ovviamente dovrai restare in ospedale per qualche giorno, ecco cosa devi avere con te. In primo luogo dei pigiami o camicie da notte: scegli dei modelli con la parte superiore con bottoni, sarà molto più facile allattare. Durante l'allattamento si suda molto, inoltre è facile sporcarsi a causa delle perdite successive al parto, quindi cerca di portare con te almeno 3-4 pigiami/camicie, ovviamente nei giorni successivi i parenti potranno portarti altri cambi che dovessero servirti. Attenta alle taglie perché dopo il parto non tornerai immediatamente in forma quindi meglio portare taglie ampie. Non dimenticare dei reggiseni specifici per l'allattamento, meglio portarne più di uno perché con la montata lattea si sporcano facilmente. Ti serviranno anche molte mutandine, potresti scegliere quelle usa e getta, pratiche da usare appena dopo il parto. Inoltre ti occorrono gli assorbenti, non quelli classici da mestruazioni, ma specifici per il parto. Molto probabilmente ti saranno applicati dei punti, anche in caso di parto naturale, quindi è essenziale l'igiene, porta con te delle salviettine copri-water, un detergente intimo delicato, delle salviettine deumidificate.
Nel beauty case metti spazzolino, dentifricio, saponi, crema idratante, spazzola, spugna per la doccia. Molto utile è anche qualche prodotto idratante e lenitivo per il seno che potrebbe farti male con le prime suzioni, ad esempio una crema alla lanolina. Non dimenticare asciugamano, accappatoio, ciabatte, ciabattine per la doccia, degli spiccioli per il distributore automatico, le posate e un bicchiere.
Arrivano le dimissioni, in questo caso se non vuoi portare troppe cose con te, puoi lasciare a casa, i vestiti che vuoi mettere per il ritorno a casa. Ricorda di metterli bene in vista, in modo che il tuo partner, o qualunque incaricato, possa subito trovarli e portarteli al momento del bisogno. Non prendere cose che indossavi prima della gravidanza, molto probabilmente non ti entrerebbero.

Cosa serve per il bambino?

Nella maggior parte dei casi è l'ospedale a fornire i pannolini, informati comunque prima. Il colloquio antecedente al parto con le infermiere del reparto è essenziale perché loro daranno indicazioni su cosa portare. Spesso chiedono alle famiglie di preparare dei sacchetti per ogni singolo cambio con body, tutina, babbucce. I cambi necessari possono essere diversi ogni giorno, quindi meglio portare più prodotti. A questo devi aggiungere un ciuccio, un biberon, dei bavaglini. Molto importante portare anche un pettine personale per il bambino (sì, molti devono essere pettinati fin dai primi giorni). Molti ospedali chiedono anche di portare con sé il lenzuolino per la culla. Anche per il bambino puoi lasciare a casa il cambio per le dimissioni scegliendo i vestiti in base alla stagione, senza dimenticare la copertina che puoi già mettere nella carrozzina in modo che il solito partner non la dimentichi.

Serve altro?
Ci sono piccoli accessori che pur non essendo essenziali, sono di sicuro molto necessari. Tra questi lo smartphone, una macchina fotografica per immortalare i primi momenti di vita, il caricabatteria e magari un device per ascoltare della musica.

Condividi l'articolo
Leggi anche di: gravidanza

PER TE